BioLu SMART FARM

 

BioLu Smart Farm è un modello di business applicato all’ Agricoltura 4.0, in cui diverse tecnologie digitali e nuove professionalità sono armonicamente impiegate per la creazione di un nuovo modello di filiera corta.

Punti cardine sono:

  • Gestione Aziendale Integrata Con Strumentazione IoT Per Il Controllo In Campo
  • Differenziazione E Coordinamento Del Portafoglio Prodotti
  • Studio Del Packaging – Design Thinking – Ecosostenibilità
  • Posizionamento Sul Mercato
  • Delineazione Delle Sinergie Tra Operatori Della Filiera
  • Implementazione TRACCIABILITA’ Di Tutta La Filiera In BLOCKCHAIN
  • Marketing E Storitelling

Con questo progetto vogliamo fare nostri gli intenti sottoscritti  all’ONU – Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile – attraverso l’agricoltura:

Siamo determinati a proteggere il pianeta dalla degradazione, attraverso un consumo ed una produzione consapevoli, gestendo le sue risorse naturali in maniera sostenibile e adottando misure urgenti riguardo il cambiamento climatico, in modo che esso possa soddisfare i bisogni delle generazioni presenti e di quelle future.”

 

Please follow and like us:

PANE con SEMOLA di GRANO DURO SEMINTEGRALE “SENATORE CAPPELLI” 

PANE con SEMOLA di GRANO DURO SEMINTEGRALE “SENATORE CAPPELLI”

Ecco a voi la ricetta per fare questo tipo di pane comodamente a casa vostra.

 

 

810 g Semola di Grano Duro Semintegale
630 g Acqua
3 g lievito fresco
20 g sale fino
20 g olio EVO

Versare la farina in una ciotola, aggiungere il lievito e più della metà dell’acqua e iniziare a impastare.

Una volta che gli ingredienti iniziano a legare tra di loro, un po’ alla volta aggiungere la restante acqua il sale e per ultimo l’olio.

Impastare fino ad ottenere un impasto morbido e liscio circa 20/25 minuti.

Lasciare l’impasto in un contenitore chiuso per 4 ore a temperatura ambiente per poi metterlo in frigorifero per 24 ore.

Trascorso questo tempo riprendere l’impasto formare i panetti (peso e forma a piacere) lasciare ancora 40 minuti fuori forno e infornare a forno già caldo a 180 gradi in modalità statico per circa 40 minuti.

Per la farina vi potete rivolgere a @bioluaziendaagricola , la ricetta ve l’ho data io e adesso non vi resta che mettere le mani in pasta.

Giuseppe Capone  @giuseppecapone85

Please follow and like us:

Agricoltura Biologica : Considerazioni Circa Il Nuovo Regolamento Approvato Dall’UE

L’italia è il paese europeo che registra l’ aumento  più importante di aziende biologiche, il rischio che questo risultato si blocchi o addirittura regredisca è reale se le maglie della legge piuttosto che stringersi a tutela delle produzioni biologiche si allargano a favore di una disomogeneità delle legislazioni nazionali e di  un import sconsiderato.

Nei giorni scorsi è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea il nuovo regolamento UE sull’agricoltura biologica 2018/848 che entrerà in vigore nel 2021

Leggiamo nelle considerazioni di apertura del documento che:

“La produzione biologica è un sistema globale di gestione dell’azienda agricola e di produzione alimentare basato sull’interazione tra le migliori prassi in materia di ambiente ed azione per il clima, un alto livello di biodiversità, la salvaguardia delle risorse naturali e l’applicazione di criteri rigorosi in materia di benessere degli animali e norme rigorose di produzione confacenti alle preferenze di un numero crescente di consumatori per prodotti ottenuti con sostanze e procedimenti naturali.

La produzione biologica esplica pertanto una duplice funzione sociale, provvedendo, da un lato, a un mercato specifico che risponde alla domanda di prodotti biologici da parte dei consumatori e, dall’altro, fornendo al pubblico beni che contribuiscono alla tutela dell’ambiente, al benessere degli animali e allo sviluppo rurale”

Questo ci rallegra, in qualità di produttori, abbiamo sposato in pieno quanto sostenuto Ma abbiamo dei dubbi circa due  punti critici.

Prima di tutto la facoltà concessa ai singoli Stati di mantenere regole e soglie meno restrittive per i residui di fitofarmaci o di contaminazione da Ogm.

Poi la possibilità di continuare a produrre «biologicamente» anche in serre e senza terra ma su substrati artificiali.

Credo ci sia poco da commentare, i singoli stati non devono avere regole diverse per un mercato unico, non è concepibile permettere soglie di residui di fitofarmaci e contaminazioni OGM.

L’Italia ha adottato misure per stabilire le soglie massime per le sostanze non autorizzate nei cibi biologici .

La nuova norma prevede infatti che i paesi che le applicano, come ad esempio l’Italia, potranno continuare a farlo, MA non potranno impedire la commercializzazione di prodotti provenienti da paesi europei che si comportano diversamente.

Senza parlare della produzione di vegetali fuori dal suolo, che per i prossimi dieci anni sono legalmente autorizzate…piante che non vengono coltivate nel terreno …..siamo di fronte ad un completo e pieno disallineamento con i principi base della produzione biologica.

La concorrenza sleale non è più uno spettro che nascosto dalle ombre intimorisce ma non spaventa, con questa norma, diviene reale e mostruoso.

L’Italia – ha dichiarato il ministro Centinaio – si conferma leader europeo per l’agricoltura biologica, sia in termini di mercato sia in termini di superfici. Abbiamo tre anni per lavorare alle modifiche necessarie a rendere, ad esempio, ancora più stringenti le regole sulla qualità oppure per lavorare e correggere il tiro su temi come le deroghe o la conversione”.

Siamo in sintonia con quanto dichiarato il Ministro, ci auguriamo che le regole stringenti, i controlli serrati siano uguali per tutti; Che il il regime di importazione da Paesi terzi si reso più trasparente; che nel momento in cui verranno rinegoziate le intese vengano fatte rispettare tutte le indicazioni e i controlli a cui sono sottoposti gli operatori nazionali

Nella norma che stiamo commentando, viene previsto che dal 2021 operatori Ue ed Extra Ue godranno di assoluta parità, ci auguriamo sia così.

Please follow and like us: